OSAS Sindome delle Apnee del Sonno - O2 Medical Division

Close

L'OSAS (Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno)

OSA

Sei a rischio OSAS?

Scoprilo rispondendo al nostro questionario


Durante la notte russi spesso?
SI/NO

Durante il sonno hai degli arresti del respiro?
SI/NO

Ti svegli stanco al mattino?
SI/NO

Hai sonnolenza durante il giorno?
SI/NO

Ti appisoli facilmente dopo i pasti?
SI/NO

Sei in sovrappeso?
SI/NO

Ti sembra di avere un calo della memoria?
SI/NO

La tua pressione arteriosa è instabile nonostante la terapia consigliata dal tuo medico?
SI/NO



* se hai risposto SI a due o più domande parlane con il tuo medico o

PRENOTA UN ESAME A DOMICILIO

(sarai contattato entro 24H)

L'OSAS è uno dei principali disturbi respiratori del sonno ed è una malattia molto seria, caratterizzata da un'alterazione patologica caratterizzata da "pause" o interruzioni del normale respiro (appunto le apnee) durante il sonno.
Il termine "apnea" dunque identifica una pausa della respirazione. Chiunque occasionalmente può trattenere il respiro, ad esempio per effettuare un'immersione in acqua oppure per evitare odori sgradevoli; tuttavia, quando la pausa non è decisa spontaneamente ma si verifica durante il sonno e si prolunga per 10 secondi o più, allora il fenomeno diventa anormale e, se si ripete per molte volte nel corso della notte di sonno, può comportare rischi importanti per la salute. Le persone più a rischio sono coloro che presentano:

  • forte russamento notturno
  • sono in sovrappeso
  • hanno la pressione del sangue alta
  • presentano anormalità fisiche a livello del naso o della gola


Inoltre, la sindrome delle apnee durante il sonno, sembra ricorrere con maggiore frequenza negli stessi gruppi familiari, suggerendo una possibile predisposizione su base ereditaria.

Le conseguenze della sindrome delle apnee ostruttive presentano una qualità della vita compromessa, caratterizzata da un deterioramento fisico e comportamentale, correlato alla malattia; inoltre, durante le apnee l'ossigenazione del sangue è temporaneamente compromessa spesso in modo serio, e poiché il fenomeno può ripetersi decine (se non centinaia !) di volte ogni notte, questo si traduce in uno stato di stress reiterato per gli organi più sensibili allo stato di ossigenazione ematica: cuore e cervello.

Così, per una malattia che origina dal sonno, presto le conseguenze diventano visibili e si palesano durante il giorno, durante la veglia. E' infatti comune che la sindrome delle apnee durante il sonno si accompagni ad alterazioni della pressione sanguigna (ipertensione) e del battito cardiaco (aritmie). Inoltre, i pazienti con la sindrome delle apnee durante il sonno hanno un rischio maggiore rispetto alla popolazione normale di avere episodi di infarto cardiaco o di ictus cerebrale.

A causa della eccessiva sonnolenza diurna, che può arrivare a compromettere le normali occupazioni di vita sociale e lavorativa, i pazienti con le apnee notturne hanno inoltre un elevatissimo rischio di incorrere in incidenti automobilistici.

La certezza della diagnosi necessita di un esame specialistico chiamato Polisonnografia / Monitoraggio Cardio-Respiratorio Completo MCR che consiste nella registrazione durante il sonno di tutti i parametri ritenuti necessari dal medico specialista esperto in DRS disturbi respiratori nel sonno.

La terapia deve essere personalizzata per ogni singolo paziente, basandosi sulla storia clinica, sulla visita medica, e sui risultati della registrazione polisonnografica. Nei casi in cui si sospetti un’insufficienza respiratoria notturna in pazienti che durante le ore diurne possono non presentare un calo dei livelli di saturazione, è importante e utile effettuare la saturimetria notturna un esame che può essere molto utile anche nel monitoraggio dell’efficacia delle terapie ventilatorie notturne.


Bibliografia
1. Frey WC, Pilcher J: Obstructive sleep-related breathing disorders in patients evaluated for bariatric surgery. Obes Surg 2003; 13:676–83). 2. Chung F, Ward B, Ho J, Yuan H, Kayumov L, Shapiro C: Preoperative identification of sleep apnea risk in elective surgical patients, using the Berlin questionnaire. J Clin Anesth 2007; 19:130–4 3. Young T, Evans L, Finn L, Palta M: Estimation of the clinically diagnosed proportion of sleep apnea syndrome in middle-aged men and women. Sleep 1997; 20:705–6 4. Nikolaus C. Netzer, MD; Riccardo A. Stoohs, MD; Cordula M. Netzer; Kathryn Clark; and Kingman P. Strohl: Using the Berlin Questionnaire To Identify Patients at Risk for the Sleep Apnea Syndrome. Ann Intern Med. 1999;131:485-491.


Close